Come affrontare il colloquio di gruppo

Abbiamo parlato del colloquio individuale ma esistono altre modalità di selezione del personale, innanzi tutto il colloquio di gruppo, spesso utilizzato nella selezione di neo laureati o figure junior. 

Come funziona un colloquio di gruppo

Solitamente i gruppi sono costituiti da 10-15 candidati che vengono fatti accomodare tutti insieme intorno ad un tavolo, in modo da potersi guardarsi ed interagire. I selezionatori (generalmente da 2 a 4 , a seconda della numerosità del gruppo) rimangono in piedi alle spalle dei presenti e si posizionano in modo da poter osservare sia i singoli individui che le dinamiche che si sviluppano tra i candidati.

L’azienda si presenta

Il colloquio si apre con la presentazione dell’azienda  e, spesso, anche con qualche breve esercitazione per rompere il ghiaccio. Non abbiate timore nel prendere appunti su ciò che vi raccontano; come nel caso del colloquio singolo, le informazioni ricevute vi serviranno per i colloqui successivi o per decidere se l’azienda e la posizione fanno per voi.

L’interazione

Il secondo passaggio è la presentazione individuale, richiesta in maniera tradizionale o attraverso qualche “gioco” o interazione con gli altri. Siate voi stessi, state al gioco, ricordate che i vostri interlocutori in questo momento non sono solo i selezionatori ma tutte le persone sedute intorno al vostro tavolo, quindi cercate di parlate con un tono di voce abbastanza alto da farvi sentire da tutti e di spostare lo sguardo su ognuno dei presenti.

Se la posizione richiede la conoscenza dell’inglese, può essere che in questa fase vi venga richiesto di fare una presentazione in lingua. 

Quali competenze vengono valutate

Durante i colloqui di gruppo normalmente si valutano maggiormente le caratteristiche e le competenze soft (comportamentali) più che le competenze tecniche, quindi le esercitazioni e le prove che dovrete sostenere dovranno fare emergere caratteristiche quali la capacità di lavorare in team e di assumere un ruolo al suo interno, la capacità di ascolto e negoziazione, di analizzare i problemi e prendere decisioni, di negoziare, di gestire il tempo e le emozioni, etc.. (a volte può capitare che vengano somministrati dei test “tecnici” a tutti i candidati, in questo caso non parliamo di colloquio di gruppo -dove fondamentale è l’interazione- ma semplicemente di ottimizzazione dei tempi da parte dei selezionatori).

Case study

Nella fase successiva quindi molto probabilmente vi chiederanno di analizzare, discutere e risolvere un tema (case study) relativo alla vita aziendale e alla posizione. Concentratevi sulla consegna, siate collaborativi, non abbiate timore nel prendervi in carico il problema e di coordinare il gruppo di cui fate parte. Dite la vostra opinione con tranquillità, senza imporla agli altri…insomma, se ce la fate, dimenticate di essere sotto osservazione e vivete questa esperienza come un momento di crescita e di conoscenza. Più vi divertirete e più sarete voi stessi, più farete una buona impressione in chi vi osserva!

E alla fine…

Può capitare che alla conclusione del colloquio di gruppo vi chiedano di rimanere per  sostenere un colloquio individuale. Qui valgono tutte le regole di cui abbiamo parlato nella rubrica precedente, non abbiate timore nel porre domande se avete dubbi e mantenete un comportamento coerente con quello che avete avuto durante il colloquio di gruppo… ma se sarete voi stessi, non potrete sbagliare!